Primo piano di una statua del faraone Senusret I. Calcare, proveniente da el-Lisht, XII dinastia, Medio Regno, ora presso il Museo del Cairo. – Wikipedia, pubblico dominio

La cappella bianca di Sesostri I, secondo faraone della XII dinastia, è stata ricostruita così come ora noi la vediamo da Henry Chevrier negli anni ’30 del secolo scorso.
Si trova nel museo all’aperto del tempio di Karnak a Luxor.

Chiosco all’aperto di Senusret I a Karnak (La Cappella Bianca) – Wikipedia, pubblico dominio

In origine essa era forse una stazione di sosta della barca sacra ed era stata costruita per festeggiare la prima festa Sed del faraone.
E’ però molto più probabile che, date le sue dimensioni, non si trattasse di una cappella, ma piuttosto di un’edicola.

Durante il regno di Amenofi III, nella XVIII dinastia, i suoi blocchi furono utilizzati come materiale di riempimento del  terzo pilone del tempio di Karnak.
Furono ritrovati soltanto quando si effettuarono i lavori di restauro del suddetto pilone. 

Image by Alexander Paukner from Pixabay

Il tempietto è veramente splendido e di grandissimo interesse perchè sulle sue pareti, insieme a magnifici geroglifici che spiegano i riti della festa Sed, è rappresentata una lista dei nomi dell’Egitto, cioè delle province amministrative in cui il paese era diviso fin dall’antichità.

 

Stralcio testo tratto dalla pagina: cartigli.it sulla quale vi suggerisco di continuare la lettura…