Gutta cavat lapidem (La goccia scava la pietra)
Nefertiti, una delle più potenti regine d’Egitto

Nefertiti, una delle più potenti regine d’Egitto

Per più di un decennio Nefertiti fu la più influente donna in Egitto, riverita come un dio dal suo popolo. Regnò di fianco ad Amenofi IV (Akhenaton, 1364-1347 a.C.), un sovrano della 18ª dinastia del Nuovo Regno.

Foto del busto di Nefertiti al Neues Museum di Berlino. Wikipedia, foto di Philip Pikart rilasciata con licenza CC BY-SA 3.0

Ma della bella regina tuttavia non si sa quasi nulla, tranne che intorno al 1336 a.C., all’età di circa 30 anni, scomparve semplicemente dalla storia.

Nefertiti aveva sposato il figlio di Amenofi III durante il quarto anno del regno. pare che al tempo Nefertiti avesse 15 anni e il suo sposo almeno 14. A seguito dell’unione, la regina diventò una delle più potenti sovrane mai esistite in Egitto.

Amata, elogiata e adorata, era presente al fianco del re in tutte le occasioni importanti: il suo rango era quasi alla pari con quello del re.
Ma poi, improvvisamente, se ne perdono le tracce. Fino ad oggi non sono state trovate prove che possano gettare luce sulla misteriosa fine di Nefertiti e, fino ad oggi, si crede che il suo corpo fosse andato perso.

Nefertiti ed Amenofi IV introdussero importanti riforme religiose e culturali, tra le quali un radicale allontanamento dalle divinità tradizionalmente onorate dal popolo egizio, per dedicarsi al culto di Aton, il dio Sole.

Durante il quinto anno di regno di Amenofi IV, la coppia trasferì la residenza ufficiale da Tebe ad Achetaton, il “Luogo della Luce di Aton“, città che ai giorni nostri è conosciuta con il nome arabo di El-Amarna. La costruzione di nuovi templi in onore del dio sole interessò perfino Karnak, che fino ad allora era stato il centro tradizionale del culto di Ammon.

Questi templi vennero decorati con innumerevoli immagini di Nefertiti la quale, in quanto monarca, portava anche il titolo di “Neferneferuaton”, che significa “Perfetta è la perfezione di Aton“.

Altare domestico che mostra Akhenaton, Nefertiti e tre delle loro figlie. XVIII dinastia, regno di Akhenaton – Wikipedia, pubblico dominio

Più di ogni altra regina egiziana prima o dopo di lei, Nefertiti venne immortalata in templi e su monumenti. È anche probabile che la regina abbia ricoperto la carica di Sommo Sacerdote, carica che tradizionalmente era riservata esclusivamente ai re.
Eppure, durante gli ultimi anni del regno di Amenofi IV, Nefertiti scomparve da dipinti e sculture per essere sostituita da due delle sue sei figlie: Meritaton e Ankhesenpaaton.

Che cosa accadde alla regina? A lungo i ricercatori hanno creduto che Nefertiti non avesse più goduto del favore del re e fosse stata esclusa dalla famiglia reale. Uno dei motivi potrebbe essere stato il fatto che stava diventando palese che non avrebbe mai dato un figlio maschio al re.

Image by Souzan B from Pixabay

Secondo un’altra teoria, il governo della coppia sarebbe stato rovesciato da una ribellione della popolazione che considerava eresia l’adorazione del dio Aton. Quello che è certo è che una volta asceso al trono Tutankhamon nel 1333 a.C., qualsiasi traccia che potesse ricordare Amenofi IV e Nefertiti venne sistematicamente eliminata.
Quindi, l’improvvisa scomparsa di Nefertiti è destinata a rimanere un mistero…

 

Stralcio testo tratto dalla pagina: isolafelice.forumcommunity.net sulla quale vi suggerisco di continuare la lettura…

.

.