Gutta cavat lapidem (La goccia scava la pietra)
Summanus, il dio dei fulmini notturni

Summanus, il dio dei fulmini notturni

Summano (Summanus), il dio dei fulmini notturni era una divinità minore assimilata a una manifestazione di Giove (o Zeus) che era la divinità del fulmine diurno.

Zeus Lancia fulmini – Santuario di Zeus a Dodona, bronzo, 470 a.C. circa. Antikensammlung Berlino, Altes Museum – Wikipedia, foto di Zde, opera propria rilasciata con licenza CC BY-SA 4.0

Questo dio sarebbe stato importato a Roma insieme ad altri culti sabini dal re Tito Tazio.
Ogni 20 giugno, giorno del solstizio d’estate, ricorreva la festa di Giove Summano, il dio nell’atto di scagliare fulmini notturni, considerati molto più temibili di quelli diurni.

A Giove Summano venivano fatte offerte come un segno propiziatorio, prevalentemente si trattava di focacce di farina, latte e miele a forma di ruota, dette Summanalia. La ruota potrebbe essere un simbolo solare.

Marco Aurelio (capo coperto) offre sacrifici davanti al Tempio di Giove – Wikipedia, foto User:MatthiasKabel, opera propria rilasciata con licenza CC BY-SA 3.0

Un tempio in onore di Summano costruito nel 278 a.C. sorgeva a Roma.

Ade (Plutone) e Cerbero, in Meyers Konversationslexikon, 1888 – Wikipedia, pubblico dominio)

Nel 197 a.C. però questo tempio venne colpito da un fulmine. Si racconta che il fulmine colpì proprio la statua del dio, staccandogli la testa la quale cadde poi nelle acque del Tevere.

Questo fatto fu interpretato come se il dio pretendesse un tempio tutto suo; così lo ebbe e gli fu dedicato nel Circo Massimo.

Dopo aver avuto il proprio tempio, pare che Summano si staccò da Giove, per diventare uno degli dei Infernali, addetto ai fulmini notturni.

Secondo Marziano Capella (De nuptiis 2.164) Summanus è un altro nome per indicare Plutone come il “più alto” (summus) del Manes.

Questa identificazione è ripresa dai successivi scrittori come Camões (“Se nel regno tenebroso Summanus ‘/ punizione più severa ora sopportare …”) e Milton , in una similitudine per descrivere Satana in visita a Roma:  
Proprio così Summanus, avvolto in un vortice di fumo fiamma blu, cade su persone e città “.

Sant’Agostino ricorda che in tempi precedenti Summanus era stato più elevato di Giove, ma con la costruzione di un tempio che era più magnifico di quello di Summanus, Giove è diventato più onorato…

 

 

Stralcio testo tratto dalla pagina: luigi-pellini.blogspot sulla quale vi suggerisco di continuare la lettura…