Gutta cavat lapidem (La goccia scava la pietra)
Il mito di Atteone, il cacciatore sbranato dai cani

Il mito di Atteone, il cacciatore sbranato dai cani

Figlio di Aristeo e di Autonoe (quest’ultima figlia di Cadmo), Atteone, secondo la tradizione mitologica, educato dal centauro Chirone, divenne un abile cacciatore.

Egli, però, subì una terribile punizione da parte della dea Artemide, indignata con lui o perchè, secondo alcune fonti, Atteone avrebbe peccato di superbia vantandosi di essere un cacciatore più abile della dea stessa (Artemide era la dea della caccia), o perchè, secondo altre fonti, egli avrebbe guardato la dea nuda mentre faceva il bagno nella fonte Parteia.

Tiziano – Diana e Atteone – Gallerie nazionali della Scozia – Wikipedia, pubblico dominio.

Anche sulla punizione subita da Atteone, la tradizione mitologica ci ha lasciato due versioni:
secondo la prima, Atteone venne mutato dalla dea in un cervo e quindi fu sbranato dai suoi cani;
nella seconda versione, invece, Atteone non venne trasformato in un cervo, ma venne ugualmente sbranato dai suoi cani perché la dea gli gettò addosso una pelle di animale, aizzando così i cani contro di lui.

Fontana di Atteone, gruppo scultoreo della cascata a Caserta – Image by nonmisvegliate from Pixabay

Questa seconda versione si riscontra in un carme del poeta Stesicoro e ad essa chiaramente si ispira l’artista delle metope selinuntine. Il mito dello sbranamento di Atteone ha un precedente nella leggenda di Orfeo fatto a pezzi dalle Baccanti o dalle fiere, ed è stato ripreso, nella duplice versione, in alcune figurazioni della ceramica attica ed etrusca…

Stralcio testo tratto dalla pagina: selinunte.net sulla quale vi suggerisco di continuare la lettura…