Gutta cavat lapidem (La goccia scava la pietra)

‘Il pettirosso’, una poesia di Khalil Gibran

Pettirosso_1

O pettirosso, canta,
che è nel canto il segreto dell’eternità!
Avrei voluto essere come sei tu,
libero da prigioni e catene..
Avrei voluto essere come sei tu…
anima che si libra sulle valli
libando la luce come vino da ineffabili coppe.
Avrei voluto essere come sei tu,
innocente, pago e felice,
ignaro del futuro e immemore del passato…
Avrei voluto essere come sei tu,
per la tua bellezza, la tua leggiadria
e la tua eleganza,
con le ali asperse della rugiada
che regala il vento
Avrei voluto essere come sei tu,
un pensiero che fluttua sopra la terra
ed effondere i miei canti
tra la foresta e il cielo…
O pettirosso, canta,
dissipa l’ansia ch’io sento!
Io odo la voce che è dentro la tua voce
e sussurra al mio orecchio segreto.

 Khalil Gibran.

Pettirosso_2Elaborazione grafica della foto di Andreas Eichler pubblicata,  con licenza Creative Commons CC BY-SA 4.0, su: commons.wikimedia.org (*)

Khalil Gibran (Jubrān Khalīl Jubrān, 1883 – 1931) è stato un poeta, pittore e filosofo libanese.
Libanese di religione cristiano-maronita emigrò negli Stati Uniti; le sue opere si diffusero ben oltre il suo paese d’origine: fu tra i fondatori, insieme a Mikha’il Nu’ayma (Mikhail Naimy), dell’Associazione della Penna (al-Rābiṭah al-Qalamiyyah), punto d’incontro dei letterati arabi emigrati in America.
La sua poesia venne tradotta in oltre 20 lingue e divenne un mito per i giovani che considerarono le sue opere come breviari mistici.
Gibran ha cercato di unire nelle sue opere la civiltà occidentale e quella orientale. Fra le opere più note: Il Profeta (scritto in inglese) e Massime spirituali.

Stralcio tratto da Wikipedia

_________________
(*) foto originale in http://commons.wikimedia.org/wiki/File:2012.06.22.-g-31-Godendorfer_See_Godendorf-Rotkehlchen.jpg?uselang=it

Similar posts