Gutta cavat lapidem (La goccia scava la pietra)

“Il ragno e l’uva”, una favola di Leonardo da Vinci

Leonardo di ser Piero da Vinci si occupò di pittura, architettura e scultura; fu disegnatore, trattatista, scenografo, anatomista, musicista, progettista, inventore, scrittore, ingegnere e scienziato. Leonardo da Vinci è considerato uno dei più grandi geni dell’umanità.
Tra la miriade dei suoi lavori, Leonardo ci ha lasciato anche diverse favole.

Oggi leggiamo la favola “Il ragno e l’uva”

Un ragno, dopo essere stato per molti giorni a osservare il movimento degli insetti, si accorse che le mosche accorrevano specialmente verso un grappolo d’uva dagli acini grossi e dolcissimi.
– Ho capito disse fra sé.
Si arrampicò, dunque in cima alla vite e di lassù, con un filo sottile, si calò fino al grappolo installandosi in una celletta nascosta fra gli acini. Da quel nascondiglio incominciò ad assaltare, come un ladrone, le povere mosche che cercavano il cibo; ne uccise molte, perché nessuna di loro sospettava la sua presenza.
Ma intanto venne il tempo della vendemmia. Il contadino arrivò nel campo colse anche quel grappolo, e lo buttò nella bigoncia, dove fu subito pigiato insieme agli altri grappoli.
L’uva così fu il fatale tranello per il ragno ingannatore, che morì insieme alle mosche ingannate..

fonte.

Similar posts
  • Leonardo da Vinci: un uomo singolare,...
    Una pagina, frutto di ricerche sul web, realizzata a cura di  “Fatina Plimplim Lu” Citazioni attribuite a Leonardo ! Verrà il tempo in cui l’uomo non dovrà più uccidere per mangiare, ed anche l’uccisione di un solo animale sarà considerato un grave delitto. L’Uomo passa la prima metà della sua vita a rovinarsi la salute […]

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *