Jusepe de Ribera – San Giacomo il Maggiore – Wikipedia, pubblico dominio

Giacomo, apostolo, detto il “Maggiore” per distinguerlo da Giacomo di Alfeo il cugino di Gesù, era fratello di Giovanni l’evangelista. 
Conosciamo anche la loro madre Salome, tra le cui virtù non sovrabbonda il tatto. Chiede infatti a Gesù posti speciali nel suo regno per i figli, che si dicono pronti a bere il calice che egli berrà. 
Così, ecco l’incidente: “Gli altri dieci, udito questo, si sdegnarono“. E Gesù spiega che il Figlio dell’uomo “è venuto non per essere servito, ma per servire e dare la sua vita in riscatto per molti” (Matteo cap. 20).  Giacomo, con Pietro e Giovanni, è stato testimone della Trasfigurazione, della risurrezione della figlia di Giairo e della notte al Getsemani. 
San Giacomo apparteneva a una famiglia di pescatori del lago di Tiberiade, che possedeva barche e servi. 
I vangeli raccontano in particolare la sua vocazione. Zebedeo, i figli e i servi stavano riparando le reti sulla riva, quando il Signore che passava in quei pressi chiamò a sé i due fratelli. All’istante essi abbandonarono tutto per seguirlo lasciando le reti, la barca e lo stesso padre. 
Questa grande generosità non si smentirà mai, e Gesù avrà per Giacomo e Giovanni lo stesso affetto privilegiato che aveva per Pietro. 
Saranno così i tre intimi confidenti dei suoi pensieri, gli unici che assisteranno alla risurrezione della figlia di Giairo, alla Trasfigurazione e all’agonia nell’orto degli Olivi.

Albrecht Dürer – L’Apostolo Giacomo – Wikipedia, pubblico dominio

Dopo la Pentecoste, san Giacomo il Maggiore predicò il vangelo nella Giudea e nella Samaria. Ma il suo apostolato fu di breve durata, e mentre il fratello Giovanni doveva essere l’ultimo degli Apostoli a lasciare questo mondo, egli fu il primo a versare il proprio sangue per il Signore. Erode Agrippa I lo fece decapitare. Clemente Alessandrino riferisce che la sua costanza e la sua carità convertirono lo stesso carnefice, il quale implorò il suo perdono mentre veniva trascinato al supplizio. Commosso, san Giacomo lo abbracciò dicendogli: “La pace sia con te”! E il carnefice morì decapitato anch’egli, e martire di Cristo.

Non abbiamo a credere che questa morte, sopraggiunta prima dell’anno 44, abbia potuto sconcertare il piano dell’Altissimo sull’apostolato al quale era destinato san Giacomo. 

Immagine di San Giacomo in “Le nuove canzoni dei pellegrini di San Giacomo”, pubblicata da Jean Spinola in Compostela. Incisione xilografica del XVIII secolo. – Wikipedia, pubblico dominio

La vita dei santi non è mai incompleta; la loro morte, sempre preziosa (Sal 115,15), lo è ancor più quando per Dio sembra giungere prima del tempo. Allora appunto si può dire veramente che le loro opere li seguono (Ap 14,13), essendo Dio stesso tenuto sulla parola a far sì che nulla manchi alla loro pienezza: “Essi giudicheranno le genti, soggiogheranno i popoli, e il Signore regnerà per essi eternamente”, diceva già il Libro della Sapienza (Sap 3,8). L’oracolo doveva realizzarsi per l’Apostolo che fu scelto per essere capo della crociata e protettore d’una grande nazione.

Diventato infatti, per disposizione divina, il Patrono e il Protettore della Spagna, la sua intercessione invocata con perseveranza otterrà la liberazione dal giogo degli infedeli. 
È al grido di “San Giacomo! san Giacomo! Spagna, avanti!” che per parecchi secoli i cristiani faranno senza sosta la guerra santa ai musulmani, difenderanno con il loro coraggio e il loro sangue l’intera Europa e finiranno per ricacciare i Mori in Africa. 
E quando il lavoro della Crociata sarà terminato, è ancora sotto il suo patrocinio che gli Spagnoli, al seguito di Cristoforo Colombo, di Vasco de Gama, di Albuquerque e di altri conquistatori, partiranno verso le terre lontane allora scoperte, per portarvi il nome del Signore, e all’Apostolo faranno omaggio delle innumerevoli conversioni ottenute mediante i loro sforzi e che erano state un tempo raffigurate nelle pesche miracolose del lago di Tiberiade. 
E Giacomo potrebbe dire come san Paolo: ” Non mi ritengo inferiore ai maggiori fra gli Apostoli, poiché, per la grazia di Dio, ho lavorato più di tutti loro” (2Cor 11,5; 12,11; 1Cor 15,10).

.

Stralcio testo tratto dalla pagina: forum.termometropolitico.it sulla quale vi suggerisco di continuare la lettura…

.

vedi anche:

  • Santiago di Compostela
  • Appunti su Santiago de Compostela – Il Santuario Di San Giacomo