Gutta cavat lapidem (La goccia scava la pietra)

Esopo: Il pipistrello, il rovo e il gabbiano

Molto tempo fa, un pipistrello, un rovo e un gabbiano si riunirono in un isolotto per formare una strana società commerciale fondata sulla vendita di stoffe e di rame. 

Il rovo possedeva una buona quantità di lana, seta e cotone procurate grazie al duro lavoro dei suoi antenati. Egli aveva conservato i suo averi nell’attesa di una buona occasione per poterli rivendere.
 rovo2

Il pipistrello, essendo il più abile dei tre negli affari, si prodigò per procurare il denaro necessario per l’acquisto di una buona imbarcazione sulla quale trasportare il materiale fino al continente. Per riuscirvi fece parecchi debiti con degli strozzini ai quali avrebbe dovuto restituire il doppio dei soldi prestati. Comunque, con il discreto gruzzoletto che ebbe a disposizione egli comprò una piccola barca a remi.

pipistrellfrontweb2Il gabbiano invece aveva adocchiato un buon quantitativo di rame abbandonato da qualche mercante. Munitosi di pazienza recuperò tutto quel tesoro che sarebbe servito per la loro società.

GabbianoGiunse infine il gran giorno. 
I tre avevano caricato ogni cosa sulla barchette ed erano ormai pronti per partire. 
Speriamo che questa barca sia abbastanza robusta!” Disse il gabbiano preoccupato. “Se il tempo si manterrà calmo andrà tutto benissimo“. Rispose il pipistrello.
Finalmente gli amici si imbarcarono e partirono.

Ma durante la sera, un terribile temporale fece ribollire le acque del mare le cui onde gigantesche inghiottirono senza pietà la piccola barca. I tre compagni fortunatamente si salvarono perdendo però ogni cosa. 
Da quel giorno il pipistrello incapace di ripagare i debiti uscì solo di notte per evitare di incontrare gli strozzini che volevano indietro il loro denaro;

pipistrello

il gabbiano imparò a rimanere appollaiato sopra scogli marini nella speranza che le acque gli restituissero il suo rame;

gabbiano_3infine, il rovo aguzzò le sue spine strappando i vestiti dei passanti nell’attesa di ricostruire, con i brandelli procurati, il suo prezioso patrimonio di stoffe ormai perdute. 

rovoQuesta antichissima leggenda ci spiega l’origine delle abitudini dei tre protagonisti. Inoltre, il racconto dimostra che noi finiamo sempre col ritornare ad occuparci di più di quelle cose in cui prima abbiamo avuto insuccesso.

.

La favola è tratta dalla pagina: Alcune favole di Esopo
Similar posts
  • Notte d’autunno di Nazim Hikmet Nâzım Hikmet-Ran, in italiano spesso scritto Nazim Hikmet, è stato un poeta, drammaturgo e scrittore turco naturalizzato polacco. Ecco una delle sue belle poesia: . Notte d’autunno . In questa notte d’autunno sono pieno delle tue parole parole eterne come il tempo come la materia parole pesanti come la mano scintillanti come le stelle. Dalla tua [...]
  • Il mite agnello In questo post desidero inserire la figura che fa da contraltare all’immagine dell’aquila: l’agnello Per la sua innocenza, semplicità e pazienza l’agnello è divenuto immagine dell’uomo pio. Simbolo di rinnovamento, nei riti antichi, si prestava particolarmente come animale sacrificale. Nella Bibbia l’agnello è entrato nella simbologia del rapporto con Dio, per la docilità e la debolezza [...]
  • Il fascino del paesaggio Poche parole hanno un significato vago e variabile come “paesaggio”. È infatti un termine ben noto a tutti e largamente usato nel linguaggio corrente; il senso che gli viene attribuito può però essere completamente differente con il cambiare del contesto del discorso e del punto di vista da cui viene affrontato, nonché della sensibilità e degli [...]
  • Esopo: ‘Il cervo e la vite̵... Era una mattina di primavera. Il sole brillava alto in un cielo azzurro e limpido mentre un gruppo di uccellini ciangottavano allegramente tra i rami di un’alta quercia. Un bellissimo cervo dal manto splendidamente fulvo, brucava tranquillo l’erba di una vasta distesa situata ai confini di una piccola fattoria. Proprio quel giorno un grande orso [...]
  • Un cavallo ed un maiale Vi riporto un vecchio e sempre valido insegnamento che il web ci propone sotto forma di brevissimo racconto… Un fattore comprò uno stallone da monta, un esemplare stupendo! Lo pagò una fortuna ma dopo un mese il cavallo si ammalò. Così il fattore, disperato, chiamò il veterinario: – Beh… il suo cavallo ha un virus, [...]