Polinice consegna a Erifile la collana di Armonia. Oinochoe attica a figure rosse, ca. 450–440 a.C. – Museo del Louvre – Wikipedia, pubblico dominio

Cadmo divenuto re di Tebe sposò la bellissima Armonia, tanto bella che molti la credettero figlia di Afrodite, ma secondo altri era, invece, figlia di Zeus e di Elettra (una delle Pleiadi) e perciò sorella di Iasione e Dardano

Alle nozze furono invitati tutti gli dei, e tra i doni fatti alla sposa  Efesto, regalò ad Armonia una collana (*), finemente cesellata, con molte pietre preziose. Più tardi si scoprì che questa collana fu fatale a tutte le donne che la portarono e da essa ebbe origine la lunga serie di disgrazie che perseguitò la famiglia di Cadmo. Infatti dei cinque figli che Armonia e Cadmo ebbero:

  • Polidoro, l’unico maschio fu padre di Labdaco, il nonno dello sventuratissimo Edipo; 
  • Semele, morì giovanissima, folgorata dallo splendore di Zeus nel dare alla luce il figlio di Dioniso;
  • Autonoe fu la dolorosa madre di Atteone che la collera di Artemide cambiò in cervo e fu divorato dai suoi stessi cani;
  • Ino, divenuta pazza, si precipitò con figlio Melicerte in mare;
  • Agave, nel furore del delirio bacchico sbranò il proprio figlio Penteo.
Dopo tutte queste sventure Cadmo iniziò ad odiare la sua città e la abbandonò insieme ad Armonia, vagarono a lungo, finchè gli dei impietositi li trasformarono in serpenti, per poi raggiungere i Campi Elisi.
Stralcio testo tratto dalla pagina: mitologiagreca.blogspot
(*) Anche se non esiste una descrizione concreta della collana, questa è in genere descritta nella forma di due serpenti e con le bocche aperte per fare il fermaglio, e realizzata in oro splendidamente lavorato ed intarsiato con vari gioielli.
La collana magica, indicata semplicemente come Collana di Armonia, permetteva a qualsiasi donna la indossasse di rimanere sempre giovane e bella, divenendo così nei miti greci un oggetto molto ambito tra le donne della casa reale di Tebe.
(stralcio testo tratto da Wikipedia)