La regina Cassiopea, moglie di Cefeo re di Etiopia, era bella ma anche arrogante e vanitosa; queste ultime due caratteristiche la portarono alla sua caduta.

Pierre Mignard – Il re d’Etiopia, Cefeo, e la regina Cassiopea, ringraziano l’eroe Perseo per aver consegnato la figlia Andromeda, offerta in sacrificio a un mostro marino. – Wikipedia, pubblico dominio

Cassiopea, una delle ninfe figlie del dio del mare Nereo, si vantò di essere la più bella delle Nereidi offendendo il dio Poseidone, che aveva sposato un’altra Nereide: Anfitrite

Gustave Doré – Andromeda. – Wikipedia, pubblico dominio

Le Nereidi chiesero a Poseidone di punire la superbia di Cassiopea e il dio le accontentò mandando il mostro Cetus a devastare l’Etiopia.

Per ammansire Poseidone, un oracolo disse al re Cefeo che doveva offrire sua figlia Andromeda in sacrificio al mostro.

Andromeda fu incatenata a uno scoglio in riva al mare e lasciata lì ad attendere impotente il suo destino.

Perseo di ritorno dall’impresa che lo aveva visto decapitare Medusa, vide Andromeda, s’innamorò di lei e chiese a Cefeo  la sua mano se fosse riuscito ad uccidere il mostro.
Cefeo dette il suo consenso.

Perseo uccise il mostro, i sovrani gioirono e dovettero acconsentire al matrimonio della figlia con l’eroe ma Cassiopea, gelosa, tramò contro Perseo che scoprì il complotto ed uccise i suoi nemici. Perseo e Andromeda, dopo la morte di Cassiopea e Cefeo, divennero il re e la regina del popolo di Argo.

La vanitosa Cassiopea, dopo la sua morte, fu trasformata in in un raggruppamento di stelle poste nella Via Lattea tra le costellazioni di Cefeo e di Andromeda, tuttavia fu, per sempre, legata ad una sedia.

Cassiopeia trasformata in costellazione (Giosafat Aspin – Grafico astronomico che mostra Cassiopeia seduta su una sedia che forma la costellazione.) – Wikipedia, pubblico dominio

A causa dell’inimicizia tra lei e le Nereidi e per darle una lezione di umiltà, è stata posta vicina alla stella polare, condannata a girare per sempre intorno al polo celeste, trovandosi così a volte a testa in giù, in una posizione poco dignitosa….

Stralcio testo tratto dalla pagina: persefone58.blogspot.com sulla quale vi suggerisco di continuare la lettura…