Gutta cavat lapidem (La goccia scava la pietra)

La piramide di Cheope

giza.h15Un faraone dell’antico Egitto, che si chiamava Cheope, cercava un luogo dove mettere la sua tomba. Ordinò ai suoi uomini di costruire un’enorme “casa di pietra” a forma di piramide, che assomigliava pressappoco ad una smisurata tenda. La tomba di Cheope, chiamata anche Grande Piramide, risultò realmente gigantesca. Non si sa come gli egizi abbiano fatto a costruirla, non esistendo ancora i mezzi che oggi noi possediamo, e ogni pietra pesava molte tonnellate. Probabilmente le pietre venivano trascinate su per una rampa con delle specie di slitte; nessuno lo sa con precisione, però sappiamo che occorsero venti anni per costruirla. Le sue misure sono: lato settentrionale 230 m e 25.05 cm, lato occidentale 230 m e 35.65 cm, lato orientale 230 m e 39.05 cm ed infine lato meridionale 230 m e 45.35 cm, per una altezza di 146 m. Il tutto per un peso di circa 6.000.000 di tonnellate e un’ area di 13.1 acri. Gli angoli alla base sono quasi perfetti: angolo sud-est 89° 56’e 27″, quello di nord-est 90° 3′ 2″, quello di sud-ovest 90° 0′ 33″, e quello di nord-ovest 89° 59′ 58″ (appena due secondi d’arco di differenza). Secondo stime affidabili, la Piramide consiste di un totale di circa 2.300.000 blocchi di pietra calcarea e granito, con pesi che variano dalle 2.5 tonnellate alle 70 tonnellate. Non solo, ma bisogna aggiungere anche un rivestimento simile a uno specchio di 22 acri costituito, da 115.000 pietre lucidissime, ciascuna del peso di 10 tonnellate, che originariamente coprivano tutte e quattro le facciate. Dopo essere stata staccata da un violento terremoto nel 1301 a.C., la maggior parte dei blocchi di rivestimento fu rimossa per la costruzione del Cairo.

Tra gli specialisti in archeologia egizia, è opinione comune che fu costruita come tomba per il faraone della IV Dinastia (2575 – 2467 a.C.) Khufu (conosciuto come Cheope). Questa opinione si basa principalmente sul ritrovamento di geroglifici su alcune pietre all’interno della piramide che assomigliano al suo sigillo, e alla testimonianza di Erodoto che vide i monumenti nel V° secolo a. C., cioè più di 2000 anni dopo che erano stati costruiti. Nonostante il fatto che nessun corpo fu mai trovato all’interno delle sue stanze ben sigillate, gli egittologi persistono nella loro teoria, facendo nascere una storia su decine di migliaia di schiavi costretti al lavoro per decine di anni nella costruzione di una montagna di pietre in cui mettere il cadavere di un solo uomo.

La Piramide di Cheope (veduta aerea)

La Piramide di Cheope (veduta aerea)

La Camera di Re: scoperta intorno all’anno 820 d.C. dal Califfo Ma’mun. Essa è situata a un terzo dell’altezza della Grande Piramide, e cioè a circa 45 m dalla base. Ci si aspettava di trovare un tesoro proporzionato alla grandezza del monarca, ed invece la camera del faraone (funeraria secondo l’egittologia ortodossa) era completamente vuota e spoglia dal qualsiasi decorazione e iscrizione. Solamente un sarcofago in granito vuoto (oggi tale materiale viene intagliato per la sua durezza, con abrasivi quali la polvere di diamante o di carburo di silicio detto carborundo).

Per accedere alla Camera del Re, si devono superare percorsi stretti ed impraticabili, corridoi e gallerie piccolissime. La domanda che ci si pone è come hanno fatto i saccheggiatori di tombe a trafugare tutto, ma proprio tutto all’interno di una stanza situata a circa 45 m di altezza, e il cui unico modo per raggiungerla dalla base è una galleria ascendente (bloccata da pesantissimi tappi in granito) che si collega alla Grande Galleria, lunga circa 46 m e con una pendenza di 26°.

giza.h17

La Grande Piramide di Cheope:

1: ingresso al corridoio discendente;
2: camera sotterranea incompiuta;
3: corridoio cieco;
4: corridoio ascendente;
5: corridoio orizzontale;
6: camera della regina;
7: Grande Galleria;
8: cunicolo scavato dai ladri;
9: camera del sarcofago;
10: vani di scarico;
11: condotti della camera del re;
12 : condotti della camera della regina.

Le misure della Piramide di Cheope

E’ la teoria che vuole dimostrare come la Piramide di Cheope fu costruita sulla base di conoscenze geometriche molto sviluppate che ne facevano una specie di mappamondo. Verso la fine II secolo a.C. il grammatico greco Agatarchide di Cnido, scoprì che la base della Grande Piramide era esattamente un ottavo di un minuto di un grado in lunghezza. Da quì si ottiene che moltiplicando la lunghezza per 8, poi per 60 ed in ultimo per 360, il risultato è straordinariamente vicino alla circonferenza terrestre. Nel 1638 il matematico scozzese John Greaves, durante la sua visita in Egitto, prese alcune misure: il sarcofago nella Camera de Re (1.97m), l’altezza della Piramide (146.6m) e il lato base (211.2m). Lo scopo fu quello di scoprire l’unità di misura utilizzata dagli architetti egiziani, ma purtroppo i rilevamenti furono insufficenti. Il tentativo successivo venne fatto dalla squadra di scienziati francesi portati da Napoleone in Egitto. Il capo-squadra, Edmè-François Jomard, come Greaves intendeva cercare l’unità di misura utilizzata e quindi verificare se le misure della Piramide poteva ricondurre alle dimensioni della Terra.

Jomard misurò un lato della base (230.9m) e l’altezza (146.6m) da cui potè calcolare in 51º19′ la pendenza e in 184.7m l’apotenusa. Egli sapeva che gli antichi indicavano l’apotenusa in 1 stadio, ed Erodoto aveva scritto che 1 stadio era pari a 400 cubiti, per cui 1 cubito è uguale a 0.4618m. Alcuni studiosi greci avevano dichiarato che la base della Piramide era lunga 500 cubiti.Moltiplicando 500*0.4618 Jomard ottenne 230.9m ossia la lungezza della base che aveva misurato.

John Taylor, all’inizio del 1800, scoprì che dividendo il perimetro della Piramide per il doppio dell’altezza si otteneva un valore molto simile al pi-greco, che indica il rapporto costante tra la circonferenza ed il suo diametro. Il pi-greco fu calcolato con esattezza fino alla quarta cifra decimale solo nel VI secolo d.C. Tramite questa scoperta Taylor calcolò il rapporto tra l’altezza ed il perimetro come uguale al rapporto tra il raggio polare terrestre e la sua circonferenza: 2 pi-greco.

Le scoperte di Taylor influenzarono non poco uno scozzese di nome Charles Piazzi Smith. Smith calcolò il “pollice piramidale” come 1/25 di cubito. Nel 1864 Smith partì per l’Egitto. Calcolò la posizione della Piramide a 30º circa di latitudine nord. L’ombra della Piramide spariva totalmente all’equinozio di primavera. Le sue misurazioni miglioravano il calcolo del pi-greco fino al quinto decimale. Il perimetro, in pollici piramidali, corrispondeva esattamente a 1000 volte 365.2 (il numero di giorni dell’anno solare) e questo ben 1500 anni prima che i Greci calcolassero il primo calendario, mentre i rapporti tra le lunghezze dei corridoi della piramide rivelavano addirittura alcune date fatidiche della storia del mondo.

Inoltre, sempre secondo Smith, la Piramide rivelava anche la distanza tra il Sole e la Terra se si moltiplicava la sua altezza in pollici per 10 alla nona potenza (10 a 9 era il rapporto tra l’altezza e la larghezza della Piramide).
Joseph Seiss, un ecclesiastico americano, scrisse che le pietre della Piramide contenevano un sistema di numeri che indicavano misure, pesi, angoli, temperature, gradi, problemi geometrici e rilevamenti cosmici. Seiss fu sorpreso dalla ricorrente presenza nei suoi calcoli del numero 5.

Altri sostenitori di questa teoria sottolinearono come il meridiano ed il parallelo che si intersecano nella Piramide (30º di latitudine nord e 31º di longitudine est) incrociano più terraferma di ogni altro come se gli Egiziani volessero posizionare la Piramide al centro del mondo abitato. Un quadrante che si estende a nord-ovest e a nord-est dalla Piramide racchiude perfettamente il delta del Nilo. Petrie, a sostegno questa teoria, partì per l’Egitto nel 1880 con un’attrezzatura molto affidabile. Petrie si stupì dall’incredibile precisione con cui fu costruita la Piramide: sia in lunghezza che in pendenza gli errori erano così minimi da risultare impercettibili. I muri del corridoio in discesa perfettamente diritti per i loro 107m di lunghezza con un’approsimazione di 5mm. Petrie confermò il calcolo del pi-greco scoprendo che anche la Camera del Re conteneva un pi-greco nel rapporto tra la lunghezza e il perimetro.

Vista della Piramide di Cheope.

Vista della Piramide di Cheope.

Ai giorni nostri esistono ancora studiosi che credono nel significato non casuale delle dimensioni della Piramide di Cheope. Gli ultimi rilevamenti confermano quanto sostenuto in precedenza. Il pollice piramidale (PI), la cui scoperta è attribuita ad Isaac Newton, è uguale a 0.635660m, il cubito piramidale è stimato in 25PI da cui ne consegue che Camera del Re ha un volume di 12500PI ossia una tonnellata piramidale. L’angolo della Piramide è esattamente 51º, 51′ e 14.3”. Il volume interno del sarcofago è uguale alla metà del volume esterno. La posizione esatta è di 29º, 58′ e 51.06” di latitudine e di 31º e 9′ di longitudine. La Grande Piramide non ha ombra a mezzogiorno nel giorno di equinozio di primavera e guarda verso il nord magnetico con uno scostamento di 3′ permettendole di essere la struttura più accuratamente orientata.

Il parallelo ed il meridiano che coprono la maggior parte di superficie terrestre si incrociano nella Grande Piramide. Il perimetro della base diviso per 100 da’ 365.24 come i giorni in un anno come tante altre misure. L’altezza (147m e 75cm anche se originariamente raggiungeva probavilmente i 150m) moltiplicata per un milione è molto vicina alla distanza tra la Terra e il Sole. Il peso, stimato in 5.955t, moltiplicato per un miliardo è una buona approssimazione del peso della Terra. L’altezza media dei continenti sul mare è quasi esattamente l’altezza della Piramide. I quattro lati misurano esattamente: lato nord 230m e 25,05cm; lato sud 230m e 45,35cm; lato est 230m e 39,05cm; lato ovest 230m e 35,65cm. E con maniacale precisione i suo angoli misurano: nord-est 90º, 3′ e 2”; sud-est 89º, 56′ e 27”; nord-ovest 89º, 59′ e 58”; sud-ovest 90º e 33”. In ultimo, la curvatura delle pareti (la Piramide di Cheope è l’unica ad avere una leggera curvatura sulle pareti impercettibile ad occhio nudo) è identica a quella della Terra. In conclusione la Piramide di Cheope, o Grande Piramide, è la scala 1:43.200 della Terra.

.

stralcio tratto da: tanogaboblog.it

.

vedi anche:

.

Torna a: Le sette meraviglie del mondo antico

,

Similar posts
  • Tra mitologia e fantascienza: Osiride... L’articolo che vi proponiamo oggi nella rubrica “Aeramya” di Hack the Matrix riguarda l’Egitto. Quest’oggi in particolare parliamo di Osiride e di un possibile “Stargate” sepolto sotto le sabbie dell’altipiano di Giza. Osiride rappresenta il ciclo della Vita, Morte e Resurrezione. E’ considerato una delle divinità più importanti dell’antico Egitto. Conosciuto anche come “giudice dei morti”, [...]
  • Scite, un figlio di Eracle Figlio dell’eroe Eracle ed Echidna il mostro, fratello di Agartiso e Gelono ed antenato degli Sciti, popolazione seminomade dalla Siberia meridionale. In una leggenda raccontata da Erodoto, mentre attraversava il paese che più tardi sarebbe stato degli Sciti, Eracle incontrò Echidna, una donna-serpente,  e si unì a lei. Ne nacquero tre figli: Scite, Agatirso e Gelono. Prima di partire, l’eroe stabilì che [...]
  • Dieci cose interessanti sulle piramid... Pensate di conoscere tutto delle piramidi? Heritage-key ne ha stilato una top ten delle cose più interessanti. 1. Ci sono esattamente 118 piramidi in Egitto. Di sicuro avrete sentito nominare quella di Cheope, di Chefren o persino quella a gradoni di Djoser – la prima mai costruita in Egitto. Ma che dire di quelle meno famose? La cosiddetta [...]
  • Ferro meteoritico nella piramide di C... Un  realizzato con ferro meteoritico e custodito nella camera dei misteri che si trova nella piramide di Cheope. Secondo gli archeologi la cavità scoperta all’interno della tomba del faraone nasconderebbe un oggetto sorprendente e ricco di fascino. A rivelarlo è il professor Giulio Magli, studioso del Politecnico di Milano, che ha pubblicato una ricerca molto interessante su “ArXiv” in cui [...]
  • Artemisia, la regina di Caria Artemisia, il cui nome deriva dalla dea della caccia Artemide, nacque da Ligdami I, il satrapo di Alicarnasso, e da una cretese. Dopo la morte del marito, Artemisia salì al trono come tutrice del figlio Pisindeli, a causa della sua minore età. Il suo regno, che dipendeva formalmente dall’ impero achemenide, si estendeva per la regione [...]