Cari amici,
in questo periodo sto combattendo contro alcune le avversità “internettiane“. Sto modificando, lavorando e insistendo e mi è venuto in mente un motto che induce a perseverare…
Per aspera ad astra, dalle asperità alle stelle, è un motto latino che ha origine nella mitologia greca, può essere traslato con l’idea che solo attraverso difficoltà e ostacoli si possono raggiungere le vette più elevate.

Beham, (Hans) Sebald (1500-1550): Hercules capturing Cerberus, 1545

“Per aspera sic itur ad astra” (attraverso le asperità alle stelle) era un motto legato all’idea che gli eroi fossero destinati a raggiungere il monte Olimpo e gli dèi al momento della loro morte ma essere eroi implicava appunto avere compiuto una serie di imprese faticose.
Ne è un esempio il destino di Eracle (l’Ercole latino): dopo aver superato in vita le sue dodici fatiche, si diede la morte per sfuggire alla vendetta del centauro Nesso. Vedendo la sua fine, Zeus (Giove) scese sulla Terra e lo prese con sé portandolo sull’Olimpo.

L’immediatezza ed efficacia del motto, della sua idea, lo hanno reso molto comune negli stemmi e nelle intestazioni di vari tipi di organizzazioni sociali: dalle scuole ai centri di ricerca, dagli enti governativi a quelli militari.

.

fonte: tanogaboblog.it

.

.

 

.