Gutta cavat lapidem (La goccia scava la pietra)
Malafemmina: una poesia… una canzone

Malafemmina: una poesia… una canzone

Pubblicata nel 1951 dalla casa editrice La Canzonetta “Malafemmena” è uno dei brani più interpretati della musica napoletana.
Malafemmena venne lanciata contemporaneamente da Giacomo Rondinella, in uno spettacolo, e da Mario Abbate alla Piedigrotta de La Canzonetta. La canzone ispirò anche due film: Totò, Peppino e la… malafemmena, dove è cantata da Teddy Reno, e Malafemmena dove, a prestare la voce al brano, è invece Nunzio Gallo.

Antonio De Curtis ( Totò) – Wikipedia, pubblico dominio

.
Malafemmina

di
Antonio De Curtis

Si avisse fatto a n’ato
chello ch’hê fatto a me,
st’ommo t’avesse acciso…
e vuó sapé pecché?Pecché ‘ncopp’a ‘sta terra,
femmene comm’a te,
nun ce hann”a stá pe’ n’ommo
onesto comm’a me…Femmena,
tu si na malafemmena…
a st’uocchie hê fatto chiagnere,
lacreme ‘e ‘nfamitá…Femmena,
tu si peggio ‘e na vipera,
mm’hê ‘ntussecato ll’ánema,
nun pòzzo cchiù campá…Femmena,
si doce comm”o zzuccaro…
peró ‘sta faccia d’angelo,
te serve pe’ ‘nganná!Femmena,
tu si ‘a cchiù bella femmena…
te voglio bene e t’odio:
nun te pòzzo scurdá…Te voglio ancora bene,
ma tu nun saje pecché…
pecché ll’unico ammore
si’ stato tu pe’ me!…E tu, pe’ nu capriccio,
tutto hê distrutto oje né’…
Ma Dio nun t”o pperdona
chello ch’hê fatto a me…
Se tu avessi fatti ad un altro
quello che hai fatto a me,
quest’uomo ti avrebbe ucciso…
e vuoi sapere perché?Perché a questo mondo,
donne come te,
non devono esistere per un uomo
onesto come me…Donna,
tu sei una donnaccia…
a questi occhi hai fatto piangere,
lacrime di infamia…Donna,
tu sei peggiore di una vipera,
mi hai intossicato l’anima,
non posso più vivere…Donna,
sei dolce come lo zucchero…
però questo viso d’angelo,
ti serve per ingannare!Donna,
tu sei la più bella donna…
ti voglio bene e ti odio:
non posso dimenticarti…Ti voglio ancora bene,
ma tu non sai il perché…
perché l’unico amore
sei stata tu per me!…E tu, per un capriccio,
tutto hai distrutto, oh bella…
Ma Dio non ti perdonerà
Quello che hai fatto a me…

 

Lucio Dalla canta “Malafemmena”
Contributo tratto documentario “Un principe chiamato Totò“, una carrellata dei ricordi dei personaggi del mondo dello spettacolo che hanno conosciuto e amato il principe De Curtis.

Per molto tempo si è creduto che questa canzone Totò l’avesse scritta per Silvana Pampanini, che aveva conosciuto sul set di “47 morto che parla”, colpevole di aver rifiutato la proposta di matrimonio che il Principe le aveva fatto.
In realtà la canzone fu scritta e “dedicata” alla moglie Diana rea di essere venuta meno ad una promessa che i due coniugi si erano scambiati: anche se ufficialmente separati dovevano convivere nella stessa casa fino al raggiungimento del diciottesimo compleanno della figlia Liliana.
Ma Diana stanca delle continue scappatelle di Totò, sposò l’avvocato Tufaroli facendo sprofondare il Principe nello sconforto assoluto.

Stralcio testo tratto dalla pagina: antoniodecurtis.com sulla quale vi suggerisco di continuare la lettura…

.

torna a: Poesie e dintorni…

.