Gutta cavat lapidem (La goccia scava la pietra)
Tag: <span>mitologia greca</span>

Tag: mitologia greca

Penia, la personificazione della povertà

Penia è l’antica personificazione greca della povertà, appare frequentemente nella letteratura, ed è celebrata spesso come maestra d’industriosità tra gli uomini ed in questa veste appare Penia nel Pluto di Aristofane, dove tenta di opporre le sue ragioni a chi vorrebbe un’equa distribuzione della ricchezza; è incerto se abbia avuto culto come divinità …

Urània, la celeste

Me vero primum dulces ante omnia Musae, quarum sacra fero ingenti percussus amore, accipiant caelique vias et sidera monstrent, defectus solis varios lunaeque labores … Verg., Georg., II, 475-478 Così Virgilio invoca le Muse, affinché gli schiudano i segreti del cielo, le eclissi e le fasi lunari: è questo in particolare il …

Acheloo, il dio fluviale dell’Etolia

Acheloo, nella mitologia greca, è il dio fluviale dell’Etolia, figlio del Titano Oceano e sua sorella Teti. E’ il secondo fiume, per lunghezza, della Grecia e corrisponde all’odierno Aspropotamo. Secondo la leggenda, Acheloo si invaghì di Deianira, figlia di Eneo e di Altea,  e ne contese ad Eracle la mano. Iniziò la lotta ed Acheloo, che aveva la facoltà …

Elena di Troia

La leggenda narra che Zeus si innamorò di Leda, si trasformò in un cigno e si accoppiò con lei. Leda generò due uova. Secondo alcuni mitologi, da un uovo sarebbero usciti i Dioscuri, dall’altro uovo Elena. La nostra bella Elena, fin da giovinetta, fu al centro di numerosi intrighi ad alto contenuto seduttivo ed erotico. Ad esempio Teseo la …

Il diluvio secondo la mitologia greca (Deucalione e Pirra)

Si racconta che un giorno Zeus ne ebbe abbastanza della malvagità e dell’empietà degli uomini. Così decise di sterminarli con il diluvio. Prometeo riuscì a ottenere che il figlio Deucalione e la nuora Pirra,  umani di miglior fattura di quelli destinati a scomparire per il loro carattere perverso ed empio, fossero risparmiati. Su …

Eris, la dea della discordia

Secondo Omero, Eris era sorella di Ares, e dunque figlia di Era e Zeus, mentre secondo Esiodo era figlia della dea Notte che la generò senza bisogno di accoppiarsi. Eris era considerata la madre del dolore, della carestia e di altre pestilenze. Suscitava battaglie, litigi ed anarchia. Nell’Iliade accompagna Ares nei suoi combattimenti e tiene in mano l’emblema …