Gutta cavat lapidem (La goccia scava la pietra)
Appunti sul matrimonio di Zeus ed Era

Appunti sul matrimonio di Zeus ed Era

Quando Zeus decise di prendere moglie notò la bellezza di sua sorella Era degna in tutto per diventare la regina degli dèi. 

Gli amori di Giove e Giunone, dipinto di Annibale Carracci, conservato a Roma, Galleria Farnese. – Wikipedia, pubblico dominio

Era viveva appartata nell’isola di Eubea, insieme alla sua nutrice Macris, nella casa della nereide Teti. Era molto difficile avvicinarla perché su di lei vegliava assiduamente la sua nutrice a causa della sua giovane età.

Un giorno di un freddissimo inverno, la giovane Era si trovava, per caso, sola e sperduta in una strada di campagna deserta e coperta dalla neve. La dea ebbe compassione per un cuculo intirizzito e tramante dal freddo che le si andò a posare su una spalla. La dea tentò di riscaldarlo coprendolo con la sua veste e cominciò ad accarezzarlo. Il cuculo si tramutò in un giovane bello e attraente che si fece riconoscere per Zeus; dichiarò il suo amore alla fanciulla e le chiese di diventare sua moglie.
Era accettò e le nozze vennero celebrate sull’Olimpo alla presenza di tutti gli dèi. Dal matrimonio di Zeus ed Era nacquero quattro figli: Ebe, Ilizia, Ares ed Efesto.

François Lemoyne – Il trionfo di Giunone (Era) – Wikipedia, pubblico dominio

Il matrimonio tra Zeus ed Era viene spesso raccontato come un’unione felice; molti poeti attribuirono ad Era una forte gelosia per spiegare i fenomeni del cielo.
Essendo il re e la regina del cielo, e il cielo si sa non è sempre azzurro e sereno, con i loro litigi determinavano violenti uragani e gelidi inverni. Zeus ebbe molti amori con ninfe e con donne mortali; anche queste unioni erano simboliche…

 

Stralcio testo tratto dalla pagina: mitologiagreca.blogspot sulla quale vi suggerisco di continuare la lettura…

.