Gutta cavat lapidem (La goccia scava la pietra)

Il mitologico FICO

Dalla pagina “Dissertazione sul fico”  ho stralciato ciò che interessa la mitologia.

Sycomoros_oldNella mitologia egizia, ci riferiamo al sicomoro (ficus sycomorus), pianta presente in particolare nell’Africa Orientale e, soprattutto, in Egitto.
Con l’arrivo della primavera, l’Uovo cosmico (plasmato da Ptah e da lui deposto sulle rive del Nilo) si apriva e ne usciva Ra/Osiride, il Sole. Il fiume viveva in simbiosi col dio del sole.

Recita infatti il “Libro dei Morti” (celebrando il perpetuo rigenerarsi della vita, la resurrezione di tutte le cose caduche): “Cresce, io cresco; vive, io vivo”.
Finalmente cessava il pianto di Iside (sempre alla ricerca del suo amato Osiride) e, per festeggiare la fine del suo dolore, si mettevano in scena gli episodi del mito di Osiride, culminanti nella resurrezione del dio, che avveniva quando dalle zolle alla base del sicomoro sacro iniziavano a spuntare i germogli di grano e orzo. Il fico sicomoro era insomma considerato un albero cosmico assimilato alla fenice.
Era reputato quindi simbolo di immortalità, di vittoria sulla morte, di rinascita dalla distruzione.
Era, in altre parole, l’Albero della Vita.

Il suo succo, inoltre, era prezioso perché si riteneva donasse poteri occulti e il suo legno (come abbiamo già visto) era usato per la fabbricazione dei sarcofagi: seppellire un morto in una cassa di sicomoro significava reintrodurre la persona nel grembo della dea madre dell’albero, facilitando così il viaggio nell’aldilà.

Nel “Libro dei Morti”, infine, il sicomoro è l’albero che sta fuori dalla porta del Cielo, da cui ogni giorno sorge il dio sole Ra.
Esso inoltre era consacrato alla dea Hathor, chiamata anche la “dea del sicomoro”. La dea Hathor appare sotto forme diverse. Dea madre, feconda e nutrice, Hathor abita gli alberi ed è la “signora del sicomoro del sud”, a Menfi; ma è anche la “signora dell’occidente”, ossia la signora del regno dei morti.
Un ultimo accenno infine al fico sicomoro nella numerologia. Il sicomoro è legato al numero 9, il numero tre volte sacro (3×3=9), il numero dell’Amore Universale. Rappresenta l’immagine completa dei 3 mondi: materiale, psichico e animico ed è simbolo di verità totale e completa (il 9 moltiplicato per qualsiasi altro numero dà un prodotto le cui cifre sommate tra loro danno ancora 9).

In Grecia, il fico era sacro a Dionisio e, soprattutto, a Priapo, il dio lubrico della fecondità.

A Roma era sacro a Marte, vero fondatore della città eterna in quanto si sostiene che Romolo e Remo siano nati proprio dalla sua unione con Rea Silvia, dopo che il dio della guerra aveva posseduto con la forza la giovane vestale di Alba Longa.
Essendo prole illegittima, i gemelli vennero quindi strappati alla madre per essere uccisi. Ma un servo pietoso li sottrasse a morte sicura adagiandoli in una cesta, che fu affidata alle acque del Tevere.
Trasportata dallo straripamento del fiume, la cesta si fermò in una pozza sotto un fico selvatico, all’ombra del quale Romolo e Remo furono allattati dalla lupa. Secondo alcune fonti, il fico si ergeva alle pendici del colle Palatino, nei pressi della grotta chiamata Lupercale, mentre nell’iconografia è spesso rappresentato con un picchio appollaiato sui suoi rami. Esso fu chiamato “fico ruminale”. 
L’etimologia dell’epiteto “ruminale” non è chiara e su di essa fin dall’antichità molti autori classici (tra cui Plinio il Vecchio, Tito Livio, Varrone, Plutarco e Dionigi di Alicarnasso) hanno formulato varie interpretazioni.
Secondo alcuni deriverebbe dal latino “ruma” (mammella); secondo altri, al contrario, il fico prese il nome da Romolo, tant’è che gli stessi autori latini lo chiamavano talvolta “ficus Romularis”. Altri, infine, ipotizzano un’etimologia etrusca.
Ad ogni modo, fin dall’antichità, il fico fu collegato alla fondazione di Roma e considerato un albero fausto. Era venerato soprattutto dai pastori, che vi si recavano con offerte di latte.
Più tardi vennero create due nuove divinità, Jupiter Ruminalis e Rumina, la dea dei poppanti presso i Romani. Essa veniva venerata in un tempio vicino al fico sotto cui (seconda la leggenda appunto) Romolo e Remo vennero allattati dalla lupa.
Sebbene il fico ruminale fosse, in origine, solamente quello in riva al Tevere presso il quale si era fermata la cesta con i gemelli abbandonati, nel corso dei secoli successivi (e fino in epoca imperiale) altri alberi di fico furono oggetto di venerazione, talvolta con l’epiteto di “ruminale”.

Il fico ruminale sul verso di una moneta da un denario (sul rovescio vediamo, da sinistra a destra, Faustolo, la lupa con Romolo e Remo e, nello sfondo, il fico ruminale, su cui è appollaiato un picchio)

Il fico ruminale sul verso di una moneta da un denario (sul rovescio vediamo, da sinistra a destra, Faustolo, la lupa con Romolo e Remo e, nello sfondo, il fico ruminale, su cui è appollaiato un picchio)

Tra questi il fico navio (Ficus navia), che (secondo la leggenda) sorse spontaneo in un luogo colpito da un fulmine (Plinio, Nat. Hist. 15.77). Oppure nacque da un virgulto del fico ruminale, ivi piantato da Romolo. Lo stesso albero sarebbe poi stato trasferito dal sito originario al Comitium.
La Repubblica Romana – giova ricordarlo – investiva i poteri formali di governo in quattro separate assemblee: i Comitia Curiata, i Comitia Centuriata, i Comitia Populi Tributa e il Concilium Plebis.
E se Tito Livio afferma che nel 296 a.C. gli edili Gneo e Quinto Ogulnio avevano eretto “ad ficum ruminalem” un monumento che rappresentava i gemelli e la lupa, Ovidio racconta che alla sua epoca (43 a.C. – 18 a.C.) del fico non rimanevano che le vestigia.
Plutarco e Plinio narrano invece che un fico fu piantato nel Foro Romano in quanto ritenuto di buon auspicio e che, ogni qual volta la pianta moriva, veniva prontamente rimpiazzata con una nuova. Tacito aggiunge che nel 58 d.C. l’albero “ruminale” iniziò a inaridire. Ciò fu visto come un cattivo presagio, ma la pianta risorse con gran sollievo della popolazione.
fichi_02Se la pianta infatti si seccava, ci si potevano aspettare le peggiori sciagure pubbliche (per questo i sacerdoti avevano cura di piantarne sempre una nuova).

Similar posts