Gutta cavat lapidem (La goccia scava la pietra)
Andromaca: rovinoso declino e rinascita di una regina

Andromaca: rovinoso declino e rinascita di una regina

Andromaca era figlia del re di Tebe in Cilicia, Ezione, ma soprattuttoera moglie del valoroso Ettore.

Anton Kern – L’addio di Ettore ad Andromaca – Wikipedia, pubblico dominio

La sua vicenda viene ricordata in merito alla Guerra di Troia durante la quale, per mano di Achille, ella perse il padre, i 7 fratellini e anche il marito Ettore.

Ma le sofferenze di Andromaca non si conclusero con questi tragici lutti e infatti, dopo la caduta della città di Troia, Andromaca venne data come prigioniera e preda di guerra al figlio di Achille, Neottolemo – conosciuto anche come Pirro – non senza prima che il figlioletto avuto da Ettore, il piccolo Astianatte – fosse fatto precipitare giù dalle mura delle città con l’intento di sterminare la stirpe di Priamo.

Astianatte gettato giù dalle mura di Troia da Neottolemo alla presenza della madre Andromaca – Wikipedia, pubblico dominio

Se l’esistenza di Andromaca era dunque partita felice come figlia di re, dopo quegli accadimenti essa era divenuta schiava nonché concubina di Neottolemo (Pirro), figlio dell’uomo che le aveva sterminato la famiglia e rovinato la vita. Con quest’uomo, Andromaca generò 3 figli: Pergamo, Molosso e Pielo.

Johan Lund – Pirro (Neottolemo) e Andromaca davanti alla tomba di Ettore – Wikipedia, pubblico dominio

Quando poi Neottolemo venne ucciso per mano di Oreste, Andromaca potè convolare a nozze con Eleno, anch’egli figlio di Priamo come Ettore, e insieme con lui la donna finalmente regnò sull’Epiro.

Stralcio testo tratto dalla pagina: questopiccolograndemondo.blogspot sulla quale vi suggerisco di continuare la lettura…

La figura di Andromaca, una delle più commoventi della mitologia greca, rappresenta la donna nei suoi aspetti più tragici.
Moglie ideale, vedova fedele, madre affranta racchiude cioè l’impotenza e la sofferenza di una donna che deve affrontare una vita senza il marito amato, ucciso dall’insaziabile sete di gloria, divenendo poi schiava degli Achei che le sopprimeranno anche il figlio.

Nell’Eneide virgiliana Andromaca soffre l’ira di Ermione, finché troverà pace sposando in terze nozze Eleno, fratello di Ettore, ritornando così in quella famiglia dalla quale le vicende di una rovinosa guerra l’avevano allontanata con violenza.

Eleno e Andromaca fanno regali ad Enea (French, Limoges; Plaque; Enamels) – Wikipedia, file rilasciato con licenza CC0 1.0

Stralcio testo tratto dalla pagina: lilibenews.blogspot.com sulla quale vi suggerisco di continuare la lettura…

.