Gutta cavat lapidem (La goccia scava la pietra)
Bona Dea, la Grande Dea antica quanto la stessa Roma

Bona Dea, la Grande Dea antica quanto la stessa Roma

Sotto l’appellativo Bona Dea, che ha un significato generale di Grande Madre, si venerava un’antica divinità laziale, il cui nome non poteva essere pronunciato.

Bona Dea statua in marmo con epigrafe – Wikipedia, foto di Andrea Pancotti rilasciata con licenza CC BY-SA 4.0

In origine, questo non fu che un appellativo della dea romana Fauna, che formò, insieme con Faunus, una delle più antiche coppie degli dei indigeti del Lazio.

Bona Dea Fauna era stata, come Fauno, una divinità della pastorizia e dei boschi e anche, col nome di Fatua, una dea che predice l’avvenire.

La Bona Dea non trova una chiara caratterizzazione nemmeno esaminando le fonti antiche; in linea generale la versione più accreditata del mito la vuole moglie o figlia di Fauno.

Secondo la versione riportata da Lattanzio la dea è la moglie di Fauno, una moglie molto abile in tutte le arti domestiche e molto pudica, al punto di non uscire dalla propria camera e di non vedere altro uomo che suo marito. Un giorno però trovò una brocca di vino, la bevve e si ubriacò. Suo marito la castigò a tal punto con verghe di mirto che ne morì. Questo spiega l’esclusione del mirto dal suo tempio.

Ella viene collocata quindi in quella che è la storia antica del Latium da cui proviene la genealogia degli eroi e dei principi, su cui si fonderà, in seguito, gran parte della propaganda imperiale romana, in particolare quella Giulio Claudia.

La vera identità della dea traspare attraverso i vari miti che circondano la sua storia, così come ci vengono tramandati dagli autori antichi, oppure attraverso la tipologia del culto che veniva celebrato. Un’altra maniera per conoscere la dea è riscontrabile nella tipologia del culto a lei dedicato. La descrizione del culto ci mostra una divinità che opera pro populo, quindi, per la salute di tutta Roma.

Quali rappresentanti al femminile dello stato, le donne dell’aristocrazia sono preposte alla celebrazione del culto, un culto che veniva svolto strettamente in privato escludendo qualunque figura maschile, compresi gli animali.

Infatti, quando nel 62 a.C. Publio Clodio Pulcro si travestì da donna, per partecipare segretamente al culto che si celebrava nella casa di Giulio Cesare, seguì una grave crisi politica, dovuta a questa profanazione.

Hans Kels the Younger, intagliatore romano – Clodio e Pompeia provocano lo scandalo Bona Dea – Wikipedia, pubblico dominio
James Leigh Strachan-Davidson – Illustrazione di una statua di Bona Dea, la dea della fertilità (“La buona dea”), come scansionata dal libro Cicerone e la caduta della Repubblica romana, originariamente dal libro Storia di Roma. – Wikipedia, pubblico dominio

Un tempio di Bona Dea, il cui ingresso era pure vietato agli uomini, sorse in Roma ai piedi dell’Aventino; restaurato da Livia, se ne celebrava l’anniversario della dedicazione il primo di maggio. In questo tempio, la dea assunse anche il nuovo aspetto, appartenente pur esso alla greca Damia, di divinità salutifera.

La festa di Bona Dea ricorreva una volta all’anno, a una data non fissa, ma sempre al principio di dicembre; si celebrava di notte, sul modello delle greche παννυχίδες, nella casa di un magistrato cum imperio; ivi convenivano le matrone romane, incaricate di compiere il rito per conto dello stato, pro populo, insieme con le Vestali e le matres familias dello stato: gli uomini erano rigorosamente esclusi.

Al rito presiedeva la moglie del magistrato nella cui casa si allestiva la festa; ella assumeva in tale occasione, come sacerdotessa della dea, il nome di damiatrix.
Il rituale e le formule del culto si mantenevano segreti: s’intende così come gli scrittori romani designino di solito tale festa col nome di mysteria.

Come vittima, veniva offerta alla dea una scrofa; la sala della festa si ornava di tralci di vite, mentre non doveva comparirvi il mirto; nel rito, accompagnato da musica e da danze, aveva larga parte anche il vino, il quale però veniva sempre ricordato con falso nome (Macrob., Sat., I, 12, 25: vinum in templum eius non suo nomine soleat inferi, sed vas in quo inditum est mellarium nominetur et vinum lac nuncupetur).

Ma sull’epiteto di Bona Dea venne ben presto ad innestarsi il culto di una divinità greca introdotta in Roma dalla Magna Grecia; e la nuova figura divina fece dimenticare l’antica. La dea greca che assunse a Roma il nome di Bona Dea fu Damia, divinità venerata specialmente nell’Argolide, e anche a Egina, a Sparta, a Tera e, in Italia, a Taranto.

Il ricordo dell’antica Fauna Bona Dea non scomparve però del tutto; nelle campagne talvolta la si trova invocata come divinità tutoria di certi luoghi, in unione al Genius loci.

Stralcio testo tratto dalla pagina: isolafelice.forumcommunity sulla quale vi suggerisco di continuare la lettura…