Sette meraviglie del mondo antico di Maerten van Heemskrerck – Wikipedia, pubblico dominio

Nel 200 a.c. Filone di Bisanzio propose una lista dei più famosi monumenti del tempo che divennero noti come “Le sette meraviglie del mondo“. Si tratta di strutture architettoniche, sculture ed edifici che i Greci ed i Romani ritennero essere le più belle e straordinarie opere dell’intera umanità. Sono tutte situate in quello che allora era il mondo conosciuto: Egitto, Grecia, Mesopotamia e Turchia.

Vengono anche chiamate le sette meraviglie classiche oppure le sette meraviglie antiche per distinguerle dalle sette meraviglie moderne proposte in tempi più recenti, ma di queste ve ne parlerò prossimamente. Spesso si attribuisce ad un’opera architettonica l’appellativo di ottava meraviglia del mondo, per evidenziare che essa è talmente bella da potersi considerare alla pari con le preesistenti sette meraviglie.

Stralcio testo tratto dalla pagina: girandoilmondo.it sulla quale vi suggerisco di continuare la lettura…

Inserisco le incisioni di Antonio Tempesta inerenti “Le sette meraviglie del mondo” pubblicate nel 1610 – Los Angeles County Museum of Art  

(cliccare sulle immagini per ingrandirle)

Antonio Tempesta – I giardini pensili di Babilonia – Wikipedia, pubblico dominio

Antonio Tempesta – Il colosso di Rodi – Wikipedia, pubblico dominio

Antonio Tempesta – Il faro di Alessandria – Wikipedia, pubblico dominio

Antonio Tempesta – La piramide di Cheope – Wikipedia, pubblico dominio

Antonio Tempesta – La statua di Zeus ad Olimpia – Wikipedia, pubblico dominio

Antonio Tempesta – Il tempio di Artemide ad Efeso – Wikipedia, pubblico dominio

Antonio Tempesta – Il mausoleo di Alicarnasso – Wikipedia, pubblico dominio

Riporto l’elenco sintetico delle sette meraviglie del mondo antico:

  • I Giardini pensili di Babilonia, probabilmente la più antica fra le sette meraviglie. Si racconta che la regina Semiramide vi raccogliesse rose fresche in ogni stagione.
  • Il Colosso di Rodi, una enorme statua bronzea situata nell’omonima isola greca.
  • Il Faro di Alessandria in Egitto, che una volta rischiarava la via ai mercanti che si approssimavano al porto.
  • Il Mausoleo di Alicarnasso, una monumentale tomba dove riposa il satrapo Mausolo, situata ad Alicarnasso, città greca.
  • La Piramide di Cheope a Giza, immensa dimora di riposo eterno del faraone, glorificazione delle sue imprese in vita.
  • La statua di Zeus ad Olimpia, grandiosa testimonianza di arte religiosa, oggi ridotta in rovina.
  • Tempio di Artemide ad Efeso, nell’odierna Turchia.

Stralcio testo tratto dalla pagina: girandoilmondo.it sulla quale vi suggerisco di continuare la lettura…

.

.

.