Gutta cavat lapidem (La goccia scava la pietra)
La misteriosa borsa degli dèi

La misteriosa borsa degli dèi

La cosiddetta BORSA DEGLI DEI (che in ambito accademico viene considerata uno strumento di peso e misura, o “weight”, anche se è palesemente un’attribuzione un po’ forzata) è senza dubbio uno dei simboli più misteriosi di questa ritualità, appunto per la sua forma simile a quella di una “borsetta” o, in ogni caso, un contenitore, qualcosa che viene tenuto con sè, conservato gelosamente. Questo oggetto viene rappresentato sia su bassorilievi e dipinti, sia in forma autonoma, come manufatto a tutto tondo. La sua raffigurazione più antica si trova presso il TEMPIO PALEOLITICO DI GOBEKLI TEPE, certamente il più importante sito megalitico del mondo, che testimonia l’origine ancestrale ed intuitiva delle conoscenze che la nostra epoca sarà destinata a dimostrare sempre più mediante l’indagine scientifica.

La Stele dell’avvoltoio ed altri reperti simboleggerebbero il grande cataclisma che colpì l’umanità. – Wikipedia – Göbekli Tepe, collina di insediamenti vicino a Şanlıurfa, Turchia sud-orientale, allegato D pilastro 43. Foto di  Klaus-Peter Simon rilasciata con licenza CC BY-SA 3.0

TESTIMONIANZA DELL’ANTICA CONNNESSIONE UNIVERSALE

Quest’immagine della BORSA DEGLI DEI non è altro che una delle innumerevoli ed incontestabili testimonianze di un’antichissima CULTURA UNIVERSALE, condivisa da tutti i popoli del mondo e custodita, in seguito, gelosamente da caste sacerdotali e culti segreti. Possiamo portare ad esempio l’ALBERO DELLA VITA, le cui profonde radici (nel mondo della manifestazione) permettono la realizzazione spirituale; la SVASTICA, presente nei reperti paleolitici di MEZIN, in Ucraina, risalenti a 15.000 anni fa e simboleggiante la ciclicità e l’equilibrio cosmico; il CADUCEO, simbolo di conciliazione degli opposti, guarigione e pacificazione, presente dalla CIVILTA’ VEDICA, agli EGIZI, agli HITTITI, agli EBREI, ecc…inoltre lo stesso abusato simbolo del CUORE, presente fin dal Paleolitico, ad esempio sul corpo di un mammuth dipinto nella CAVERNA DEL PINDAL, in SPAGNA (risalente a 23.000 anni fa), e moltissime altre testimonianze di una cultura universale comune a tutti i popoli e tutte le civiltà, le cui divinità, culti e manifestazioni esteriori non erano altro che diverse espressioni degli stessi principi e delle stesse conoscenze profonde ed intuitive delle leggi universali e dei segreti nascosti dietro il velo dei fenomeni materiali.

SIMBOLO DI CONOSCENZA E POTERE?

Questo simbolo misterioso (la BORSA DEGLI DEI) si trova in ogni luogo e in ogni tempo, a partire dal già citato tempio di GOBEKLI TEPE (11.000 a.C.) fino alle raffigurazioni dei SUMERI, degli EGIZI, nelle iconografie delle DIVINITA’ VEDICHE, nei petriglifi preistorici nel canyon di COSO MOUNTAIN, in California, risalenti a 10.000 anni fa; nel sito archeologico di LA VENTA, in Messico (testimonianza della civiltà degli OLMECHI), la borsa si trova in una raffigurazione di QUETZACOATL, il SERPENTE PIUMATO, simbolo di morte e resurrezione; inoltre nelle decorazioni tribali dei MAORI della NUOVA ZELANDA, presso gli insediamenti neolitici della cultura JIROFT, in IRAN. La borsa si trova effigiata nel geroglifico indicante il nome della regina NEITHOTEP, moglie di Re NARMER, della I Dinastia egizia, la prima donna di cui si conosce il nome della storia. Ad esempio, presso i SUMERI le “borse” erano associate all’iconografia degli ANUNNAKI (divinità simboleggianti i 7 archetipi fondamentali mediante i quali l’infinito si manifesta nella realtà fenomenica). Dunque, l’oggetto misterioso è sempre impugnato da entità legate all’idea del potere, della conoscenza e al mistero dell’esistenza. La CONOSCENZA è POTERE, consapevolezza che proviene dalle profondità recondite della psiche aprendo le porte dei segreti e dei misteri del Cosmo; Conoscenza e potere che vengono trasmessi, consegnati di generazione in generazione a tutti coloro che ne sono degni e, nello stesso tempo, gelosamente custoditi nella propria interiorità. Dunque, la BORSA, più che uno scrigno, diventa uno strumento di “trasmissione”, indicante un “passaggio di consegne” da una generazione all’altra, o da un individuo all’altro. “CHI HA OCCHI PER VEDERE VEDA, CHI HA ORECCHI PER INTENDERE, INTENDA”: questo sembra suggerire il misterioso oggetto impreziosito da simboli ancestrali, simile ad una capsula del tempo.

UNA RAPPRESENTAZIONE DELL’UNITA’ COSMICA?

L’interessante teoria della scrittrice statunitense KERRY SULLIVAN, della Boston University, suggerisce l’interpretazione della BORSA DEGLI DEI come una rappresentazione semplice e diretta del COSMO, ricordando che ogni cultura e civiltà del pianeta ha sempre considerato il semicerchio (che in questo caso è raffigurato dal cinturino della borsa) come simbolo celeste, immateriale e spirituale, mentre il quadrato (la borsa in questo caso) è associato alla materialità e al mondo della rappresentazione. Possiamo spingerci ancora più in là, osservando che quest’oggetto non è soltanto un “quadrato” bidimensionale, ma anche un contenitore, perchè custodisce il segreto dell’esistenza nascosto nella materia. Possiamo ricordare, a questo proposito, le immagini della dea ISIDE velata o il CUBO di SATURNO, Signore del Cosmo primordiale. E in cosa consiste la conquista della pienezza e, dunque, del potere sulla realtà fenomenica? Nella consapevolezza dell’unità fra materia e spirito, nella visione della continuità e dell’unità fondamentale dei fenomeni e di tutto ciò che vive ed esiste nell’universo. Quello che possiamo definire: la conquista dell’Infinito, la concretizzazione dello Spirito, la liberazione del Cuore pulsante del Sè interiore dalle scorie dell’illusione.

UNA REMINISCENZA DELLA PREISTORICA BORSA DEL CACCIATORE?

L’origine di questa rappresentazione, poi elevata a funzione rituale, potrebbe anche affondare le radici nell’importanza che assumeva il ruolo del CACCIATORE PREISTORICO e del bottino trasportato dal suo zaino, anche se ci rendiamo conto che questa può essere un’ipotesi troppo semplicistica, ma dobbiamo ricordare che ogni funzione pratica e materiale trova sempre, per estensione, una corrispondenza superiore e spirituale. Dunque l’iconografia dell’antica “BORSA DA CACCIA” potrebbe, per l’importanza vitale della sua funzione nei millenni, essere stata tradotta come un simbolo cosmico di ricchezza e abbondanza. Possiamo notare, infatti, come nella maggior parte delle raffigurazioni, la borsa non sia raffigurata come un mero simbolo astratto, ma ne vengano indicati i particolari degli anelli uniti al cinturino e dell’intreccio della legatura. Quindi, si suppone che fosse un oggetto concreto….

.

Stralcio testo tratto da un articolo di Alessia Birri pubblicato nella pagina di alessia-birri.blogspot.com sulla quale vi suggerisco di continuare la lettura e, in calce all’articolo, visionare l’interessante galleria fotografica…

 

ritorna all’indice: Attorno alla preistoria

.