Gutta cavat lapidem (La goccia scava la pietra)
Emera, la personificazione della luce del giorno

Emera, la personificazione della luce del giorno

Emera (Hêmera), personaggio della mitologia greca, era una divinità primordiale che rappresentava il giorno. Figlia di Erebo e Notte (Nyx) o di Crono o di Caos, generò con Etere i figli GeaUrano e Talassa.

Emera fu spesso identificata con Era, la regina dei cieli o con Eos, la dea dell’alba.

Pausania ad esempio sembra confonderla con Eos guardando il piastrellato del portico reale di Atene che illustrava il mito di Eos e Cefalo.

William-Adolphe Bouguereau – Emera, la dea del giorno – Wikipedia, pubblico dominio

Ogni sera sua madre (la Notte) si allungava da est per coprire il cielo ed oscurare il blu splendente della volta celeste (suo fratello Etere), ma ogni mattina lei (Emera) disperdeva le nebbie della madre per ricoprire di nuovo la terra con la luce di Etere.

Nelle antiche cosmogonie notte e giorno erano sostanze reali distinte tra loro ed indipendenti dal Sole poiché esso dominava il giorno ma la sua luce non ne era la fonte.

 

Stralcio testo tratto da Wikipedia, rilasciato con licenza CC BY-SA 3.0