Gutta cavat lapidem (La goccia scava la pietra)

L’astronomia presso gli antichi greci

Parlare di astronomia presso gli antichi Greci vuol dire percorrere alcune delle tappe fondamentali di questa scienza, soprattutto nella costruzione della struttura dell’Universo, partendo da Talete a cui si devono le prime indagini conoscitive sull’astronomia

TALETE – I primi fondamenti astronomici greci pare debbano essere fatti risalire al 600 a.C. quando Talete di Mileto, a capo della “scuola ionica”, insegnava sulla sfericità della Terra, sul fatto che la Luna è visibile solo poiché riflette i raggi solari, affermando anche che le stelle del cielo erano fatte di “fuoco”.

fregio1

ANASSIMANDRO – Della scuola ionica fece parte anche Anassimandro, che, completando gli studi del predecessore, fu il primo a fare delle osservazioni celesti utilizzando strumenti come lo gnomone (pare da lui stesso inventato).

fregio1

PITAGORA – Intorno al V secolo a.C., nel centro della cultura mondiale di quel tempo, per mano di Pitagora, nasce e si sviluppa la omonima scuola alla quale si attribuiscono le prime idee sui moti, di rotazione e di rivoluzione, della Terra Platone intuì la sfericità della terra e il fatto che la luna ricevesse luce dal sole.

fregio1

PLATONE – Fra il 429 ed il 347 a.C., appare una figura che lascerà una notevole traccia del suo passaggio: Platone. Ecco come il grande filosofo descrive, nel “Timeo”, l’Universo: “…ed Egli (Dio) lo fece tondo e sferico, in modo che vi fosse sempre la medesima distanza fra il centro ed estremità….e gli assegnò un movimento, proprio della sua forma, quello dei sette moti. Dunque fece che esso girasse uniformemente, circolarmente , senza mutare mai di luogo….; e così stabilì questo spazio celeste rotondo e moventesi in rotondo” Quello di Platone era dunque un sistema geocentrico, a sfere concentriche.

fregio1

ARISTOTELE (330 a.c.) – Aristotele aveva diviso il cosmo in due parti: la prima perfetta e incorruttibile, quella oltre alla Luna, costituita da sfere concentriche ove erano incastonati i pianeti e le stelle; l’altra, sublunare, costituita dal mondo caotico e corruttibile, formata da quattro sfere (Terra, Acqua, Aria e Fuoco) in cui l’ordine era solo una tendenza per ogni cosa. Un sistema questo geocentrico ed incorruttibile, che resistera` per ben 18 secoli, fino cioe` alla teoria copernicana. Prima di Copernico, però qualcuno, aveva già tentato di ipotizzare un Universo costruito con un sistema eliocentrico. Fra questi, degni di nota, troviamo Aristarco ed Eraclide facenti parte della scuola alessandrina che avevano già idea della natura stellare del Sole e della distanza infinitamente grande delle stelle.

fregio1

Mappa di Eratostene

ERATOSTENE (240 a.C)– Un altro “astronomo” della scuola alessandrina degno di nota fu Eratostene, il primo a tentare di calcolare la grandezza della Terra con metodo scientifico, osservando la posizione del Sole nel cielo a diverse latitudini. Egli in un giorno di solstizio d’estate, misuro` l’angolo che i raggi del Sole formavano con la verticale del luogo nella citta` di Alessandria. Sapendo che a Siene (la moderna Assuan), in quello stesso istante il Sole era esattamente allo Zenit e conoscendo la distanza delle due citta`, riusci`, col calcolo, a trovare la lunghezza del meridiano che le congiungeva, visto che Syene ed Alessandria si trovano quasi alla stessa longitudine. Il valore che ne ricavo` fu 250′000 stadi equivalenti a quasi 40′000 chilometri, molto vicino al valore reale Il primo vero e proprio astronomo di quel periodo fu però Ipparco di Nicea (194-120 a.C.), scopritore della precessione degli equinozi. Confrontando le sue osservazioni con quelle dei suoi predecessori egli scoprì degli spostamenti di lieve entità che potevano essere rilevati solo con osservazioni fatte a distanza di molto tempo le une dalle altre e che espose nella sua celebre opera “Spostamenti dei punti dei solstizi e degli equinozi”.

fregio1

universo_tolemaicoTOLOMEO (II sec.d.C.)– Claudio Tolomeo, nato ad Alessandria d’Egitto, fu l’ultimo rappresentante dell’antica astronomia greca. Raccolse tutto lo scibile astronomico dei suoi tempi, coordinato ed arricchito con le sue esperienze, e lo espose nella sua opera principale, l’Almagesto. Il sistema tolemaico poneva la Terra al centro dell’universo ed i pianeti, compresi il Sole e la Luna, ruotanti intorno ad essa. In questo sistema Tolomeo negava anche la rotazione della Terra intorno al proprio asse, essendo il movimento diurno proprio della sfera celeste. Di questo sistema Dante Alighieri fece l’impalcatura del suo ‘Paradiso’. Ma non solo. Esso continuò ad essere insegnato nelle scuole del tempo anche dopo le innovazioni di Copernico, Keplero e Galileo fin quasi ai primi del settecento.

.

Similar posts