Skip to main content

Jacopo Amigoni (1682 – 1752), un pittore italiano appartenen

Jacopo Amigoni (Napoli o Venezia, 1682 – Madrid, 1752) è stato un pittore italiano, appartenente alla corrente del rococò. Stilisticamente, mostra una formazione nella cerchia di Luca Giordano, con influssi di Francesco Solimena e della scuola romana. Se fosse nato a Napoli, sarebbe certamente giunto molto giovane a Venezia, dove egli risulta indicato dalla Fraglia, la […]

Giambattista Pittoni (1687–1767) pittore veneziano del perio

Giovanni Battista o Giambattista Pittoni (Venezia, 20 giugno 1687 – Venezia, 17 novembre 1767) è stato un pittore italiano. Proveniente da una famiglia di pittori, imparò l’arte dallo zio Francesco Pittoni, con il quale eseguì nel 1716 il dipinto Sansone e Dalila (Pordenone, Collezione Querini). Una più chiara indicazione sugli orientamenti del pittore all’inizio della sua attività, ancora […]

Tra classicismo e barocco: Federico Cervelli (1625-1700), pi...

Federico Cervelli (Milano, 1625 o 1638 – Venezia, 1700 circa) è stato un pittore che dopo una formazione artistica e culturale non definita, si trasferì a Venezia quando era quarantenne per impiantare lì una bottega di lavoro. L’ambiente veneziano amplificò i suoi accenti barocchetti presettecenteschi, grazie alla collaborazione dapprima con Pietro Ricchi (il Lucchese), e poi con il Pietro Liberi. Da quest’ultimo trasse gli insegnamenti riguardanti lo […]

Giovanni Antonio Canal (Il Canaletto)

Giovanni Antonio Canal, conosciuto come il Canaletto, è il pittore che ha saputo dare al Vedutismo un taglio internazionale tanto da essere apprezzato in tutto il mondo. Il soprannome “Canaletto” si trova dal 1726 nelle lettere, ma è dal 1740 che lo utilizza definitivamente. Canaletto nasce a Venezia il 17 ottobre 1697 nella parrocchia di San […]

Palma il Vecchio (1480 – 1528)

Jacopo Palma il Vecchio, pseudonimo di Jacomo Nigretti de Lavalle (Serina, 1480 (?) – Venezia, 1528), è stato un pittore italiano, cittadino della Repubblica di Venezia ed esponente della scuola veneta. Pittore affermato all’epoca, lo testimoniano due dati: di lui resta una sola opera firmata, una Madonna conservata a Berlino (il che fa presupporre che la sua arte fosse più che conosciuta) ed il Vasari lo munifica di complimenti arrivando a dire: che Leonardo […]