Gutta cavat lapidem (La goccia scava la pietra)
Le Ore, le personificazioni dello scorrere del tempo

Le Ore, le personificazioni dello scorrere del tempo

Le Ore (o Horae) erano figure della mitologia greca, sorelle delle Moiree figlie di Zeus e di Temi e sono state le dee delle stagioni e delle porzioni naturali di tempo.

Henry Howard – Le Ore, o Stagioni, mentre diffondono le loro diverse produzioni. – Wikipedia, pubblico dominio

In origine Le Ore attiche erano solamente due, Tallo (germoglio) e Carpo (frutto), nomi alludenti alla semina e alla crescita del frutto delle piante.
Esiodo nella Teogonia ne indica tre e simboleggiavano il regolare scorrere del tempo nell’alterna vicenda delle stagioni (primavera, estate ed autunno fusi insieme, inverno); poi ne fu aggiunta una quarta (allusione all’autunno); in epoca romana finirono col personificare le ore vere e proprie, divenendo 12 e da ultimo 24. Le ore si presentano in duplice aspetto:

  • in quanto figlie di Temi (l’Ordine universale) assicuravano il rispetto delle leggi morali;
  • in quanto divinità della natura presiedevano al ciclo della vegetazione.

Questi due aspetti spiegano i loro nomi:

  • Eunomia, la Legalità;
  • Dike, la Giustizia;
  • Irene, la Pace;

oppure:

  • Tallo, la Fioritura primaverile;
  • Auso, il Rigoglio estivo;
  • Carpo, la Fruttificazione autunnale.
Georg Friedrich Kersting – Apollo con le ore – Museo cittadino di Güstrow, Germania – Wikipedia, pubblico dominio

Le Ore sorvegliavano le porte della dimora di Zeus sull’Olimpo (le aprivano e le richiudevano disperdendo o accumulando una densa cortina di nuvole), servivano Giunone – che avevano allevata -, attaccavano e staccavano i cavalli dal suo cocchio e da quello di Elio; inoltre facevano parte del corteo di Afrodite – insieme con le Cariti – e di Dioniso.

Edward Poynter – Horae Serenae – Museo e galleria d’arte di Bristol. – Wikipedia, pubblico dominio

Gli antichi le rappresentavano come leggiadre fanciulle stringenti nella mano un fiore o una pianticella, immaginandole peraltro brune ed invisibili con riferimento alle ore della notte; ma, se si eccettua un presunto matrimonio di Carpo con Zéfiro, non ne fecero le protagoniste di alcuna leggenda.

Gaetano Previati, La danza delle Ore – Wikipedia, fonte: Artgate Fondazione Cariplo, foto rilasciata con licenza CC BY-SA 3.0

Le Ore erano onorate con un culto particolare ad Atene (dove fu loro consacrato un tempio), ad Argo, a Corinto, ad Olimpia.

.

Stralcio testo tratto dalla pagina: terralab.it sulla quale vi suggerisco di continuare la lettura…