Gutta cavat lapidem (La goccia scava la pietra)
Temi (o Thémis), la personificazione della giustizia

Temi (o Thémis), la personificazione della giustizia

Pierre Subleyras – Justice – Museo Thomas-Henry, Normandia – Wikipedia, pubblico dominio

Themis o Temi, figlia di Urano e Gea, sorella perciò di Crono e zia di Zeus. Apparteneva alla stirpe dei Titani. Sposò Zeus e fu la sua consigliera: gli aveva suggerito, durante la lotta contro i Titani, di rivestire il suo scudo, l’Egida, con la pelle della capra Amaltea.
Secondo una leggenda, è la seconda, dopo Meti (o Metide), delle mogli divine di Zeus. Con quest’ultimo generò le Ore, le Parche, le ninfe dell’Eridano ed Astrea.

Image by mohamed Hassan from Pixabay

Secondo un’altra leggenda fu la madre di Prometeo. Stranamente, i rapporti tra Temi ed Era erano molto cordiali. Fra le divinità della prima generazione, Temi è una delle poche che si sia associata agli Olimpici condividendo con essi la vita sull’Olimpo ove stava vicina a Zeus e presiedeva all’ordine universale, ai giuramenti ed alla giustizia. Aveva poteri divinatori e si vuole che abbia fondato Delfi, considerata il centro della terra e sede dell’oracolo più celebre dell’antichità, dedicato ad Apollo. Le si attribuisce l’oracolo sulla mela d’oro e sul futuro dei figli di Teti.

Themis, dea della Giustizia greca era sovrana, prima di Apollo, del più antico oracolo di tutta la Grecia. Temi è una delle più antiche dee della giustizia, insieme a Demetra Tesmofora, “portatrice di giustizia”, “portatrice di consuetudini”, che sorveglia con la figlia Kore l´alternanza delle stagioni, l’osservanza dei vincoli matrimoniali e dei legami in genere, e alle figlie di Temi, le Ore: Dike, la patrona dei tribunali, colei che punisce i malfattori, Eunomia, dea dell´ordinamento legale, Eirene, dea della pace (secondo la descrizione di Esiodo).

Statua di Temi, Università di Chuo, Giappone – Wikipedia, pubblico dominio

Il significato del nome Temi è “irremovibile”, per questo forse è stata identificata sia come la personificazione dell’ordine legale e della giustizia eterna, sia come la dea delle leggi naturali che vigila su ciò che è lecito e illecito.

Da ricordare il famoso oracolo di Temi nel mito di Deucalione e Pirra; quando i due giovani sposi, sopravvissuti al Diluvio Universale, consultarono l’oracolo, la dea pronunciò enigmatiche parole: “Uscite dal tempio e gettate dietro le vostre spalle le ossa della Grande Madre“. Solo dopo capirono che la Grande Madre era Gea, e lanciando sassi dietro le loro spalle ripopolarono la Terra: i sassi lanciati da Deucalione diventarono uomini, quelli lanciati da Pirra, donne.

I Romani la chiamavano Justitia, giustizia. I suoi attributi sono la spada e la bilancia assieme alla cornucopia e agli occhi bendati (l’imparzialità della legge) e simboleggia il diritto e la giustizia.
Temi è spesso rappresentata come una donna con l’aria autorevole che tiene i piatti d’una bilancia con la quale pesa le argomentazioni delle controparti.

.

Stralcio testo tratto dalla pagina: isolafelice.forumcommunity sulla quale vi suggerisco di continuare la lettura…